Aspetti chimici e tossicologici del fungo europeo Tricholoma terreum

Tricholoma_terreum (photo: Eric Steinert Gauting, Germany, Wiipedia)

Tricholoma_terreum (photo: Eric Steinert Gauting, Germany, Wiipedia)

La tradizione consolidata di commercializzare e cibarsi di funghi spontanei ha recentemente riportato in luce il problema della tossicità di alcuni di essi; sotto la lente di ingrandimento, sono posti soprattutto i meno noti e studiati, riguardo ai quali si hanno informazioni per lo più aneddotiche rispetto alla commestibilità. In un lavoro Liu e colleghi descrivono l’isolamento e la caratterizzazione delle tossine presenti in un fungo Europeo a lungo misconosciuto, Tricholoma terreum. Sono state identificate una quindicina di principi attivi a nucleo terpenoidico, alcuni appartenenti alla famiglia dei terreolìdi e altri a quella dei saponàceolìdi. Tre dei terreolidi identificati contengono un curioso scheletro triossaspirochetàlico. Due composti particolarmente abbondanti, il saponaceolide B e il saponaceolide M, mostrano una significativa tossicità acuta, con dosi letali medie (DL50) per somministrazione orale nel topo rispettivamente pari a circa 90 e 65 mg/kg. Entrambi i composti, a dosi subletali, inducono un incremento del livello sierico di creatin chinasi, e ciò ben si accorda con l’evidenza clinica di rabdomiolisi nei pazienti avvelenati con tale genere di fungo.
Chemical and Toxicological Investigations of a Previously Unknown Poisonous European Mushroom, Tricholoma terreum, X. Yin, T. Feng, J.-H. Shang, Y.-L. Zhao, F. Wang, Z.-H. Li, Z.-J. Dong, X.-D. Luo, J.-K. Liu. Chemistry – A European Journal 20(23): 7001–7009, (2014)

di D. Merli

 

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Laboratorio © 2017 Tutti i diritti riservati