Biocarburante da batteri

Greg Stephanopoulos, professore di biotecnologie e ingegneria chimica al MIT di Boston (USA), ha ingegnerizzato un batterio per produrre in modo rapido ed efficiente biodiesel da qualsiasi zucchero, acido acetico, glicerina o biomassa cellulosica. Il batterio si ciba dei rifiuti delle attività agricole e delle nostre tavole. Il biocarburante ha un rendimento doppio rispetto agli altri concorrenti e costerebbe 25/30 centesimi di dollaro al litro, un prezzo competitivo con il diesel da petrolio. Stephanopoulos sta cercando di industrializzare il processo con la start up Novogy. Il risultato più importante ottenuto dal ricercatore del MIT è l’incremento della tolleranza delle coltivazioni microbiche alla tossicità dei prodotti.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Laboratorio © 2017 Tutti i diritti riservati