Clonato un topo fino alla terza generazione

Ricercatori giapponesi del RIKEN Center for Developmental Biology di Kobe è riuscito a clonare ripetutamente un topo di laboratorio fino a ottenere 25 generazioni e 581 individui sani, superando così un limite fondamentale di questa metodica: finora nessuno era mai riuscito a superare la terza generazione. Il successo è stato ottenuto con le consuete tecniche di sostituzione del nucleo in cellule somatiche, ma inibendo al tempo stesso i meccanismi di espressione del DNA. In questo studio, i ricercatori giapponesi hanno dimostrato l’utilità della tricostatina quando si cerca di iterare la clonazione sui topi di laboratorio. Il processo potrebbe ripetersi virtualmente all’infinito.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Laboratorio © 2017 Tutti i diritti riservati