Derivati maleimidici della saxitossina: inibitori dei canali del sodio attivati dal potenziale

La (+)-saxitossina, un veleno naturale a struttura guanidinica prodotta da alcune alghe acquatiche note come dinoflagellati, agisce quale inibitore potente, selettivo e reversibile per i canali al sodio voltaggio dipendenti (NaVs).
In un articolo recentemente apparso è stata messa a punto la sintesi totale di alcuni derivati di tale tossina recanti gruppi maleimidici in grado di inattivare in modo irreversibile i canali al sodio NaVs. I risultati sperimentali mostrano che queste forme modificate della tossina possono reagire covalentemente con residui cisteinici espressi dal canale al sodio, bloccando stericamente il poro del canale stesso in seguito ad alchilazione del residuo maleimidico. Una seconda generazione di derivati della (+)-saxitossina si sono mostrati in grado di inibire irreversibilmente NaVs e, per la presenza di ulteriori gruppi funzionali bioortogonali rispetto al residuo maleimidico, possono essere utilizzati per studi di imaging di cellule e per applicazioni nel campo della proteomica.

W. H. Parsons, J. Du Bois-Maleimide Conjugates of Saxitoxin as Covalent Inhibitors of Voltage-Gated Sodium Channels;  Journal of the American Chemical Society, 135, 10582−10585, 2013

di D.Merli

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Laboratorio © 2017 Tutti i diritti riservati