Il grafene diventa prodotto di consumo

https://it.wikipedia.org

https://it.wikipedia.org

Le proprietà del grafene hanno aperto nuove strade di ricerca in diversi settori, dalla fisica delle particelle all’optoelettronica e all’energia. Il principale ostacolo al trasferimento dell’innovazione dal laboratorio di ricerca al mercato deriva dalla mancanza di tecniche di produzione adatte su larga scala. Il progetto GRAFOL (Graphene chemical vapour deposition: Roll to roll technology), finanziato dall’UE, è stato avviato per risolvere questo problema, combinando una comune tecnica di produzione su ampia scala con un’efficace tecnica di sintesi del grafene, utilizzando alcune tecniche spettroscopiche per valutare il processo. Risultato chiave di GRAFOL è stato lo sviluppo di uno strumento di produzione roll-to-roll (R2R) in grado di produrre grandi fogli di grafene su scala industriale. Operando a pressione atmosferica e a ridotta temperatura, il processo è stato identificato come il percorso migliore verso la produzione a basso costo di questo materiale di carbonio monostratificato. Oltre allo sviluppo di uno strumento di R2R, il team del progetto ha adattato il metodo della deposizione di vapore chimico (CVD) per sintetizzare a basso costo lotti di grafene monostrato o a più strati su wafer di silicio di 300 mm di diametro – la dimensione standard attualmente utilizzata nell’industria dei semiconduttori. Questo sviluppo ha permesso al team di integrare fotomodulatori e fotorivelatori basati sul grafene in una piattaforma fotonica di silicio. I partner del progetto hanno anche prodotto una piattaforma spintronica, un transistor a effetto di campo basato sul grafene e un LED organico funzionante utilizzando alcuni strati di grafene come alternativa al costoso ossido misto di indio e stagno. Inoltre sono stati realizzati un sistema nanoelettromeccanico a radiofrequenza e alcuni sensori basati sul grafene. Infine, la sintesi di nanotubi di carbonio (CNT) direttamente sul grafene e la crescita verticale ad alta densità dei CNT potrebbe rappresentare la base di una nuova generazione di tecnologia di interconnessione 3D interamente in carbonio.

http://cordis.europa.eu/result/rcn/93009_it.html

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Laboratorio © 2017 Tutti i diritti riservati