Il misterioso rapporto fra altezza e probabilità di sviluppare il cancro

lungNumerosi precedenti studi osservazionali hanno esaminato l’associazione tra altezza nell’età adulta e il rischio di sviluppare tumori del polmone, del colon/retto, e della prostata; tuttavia, non è chiaro se esista una correlazione fra questi due fattori. Khankari e colleghi hanno condotto una revisione sistematica della letteratura e una meta-analisi di studi di coorte prospettici che hanno esaminato l’associazione tra altezza e il rischio sviluppare i tumori succitati. Per superare i limiti intrinseci di tali studi osservazionali, gli autori hanno utilizzato analisi di randomizzazione Mendeliana utilizzando i dati genetici ottenuti da un ampio studio multi-centrico comprendente 47.800 casi e 81.353 controlli. Nella meta-analisi degli studi osservazionali prospettici, gli autori hanno rilevato un aumento del rischio del 12% di sviluppare il cancro del colon-retto, un aumento del rischio del 7% di sviluppare il cancro alla prostata, e un aumento del rischio del 6% di sviluppare il cancro al polmone per ogni aumento di dieci centimetri in altezza. Lo studio fornisce quindi una forte evidenza di un’associazione tra altezza adulta e il rischio di sviluppare alcune neoplasie, e suggerisce che alcuni fattori genetici e biologici che influenzano l’altezza possono anche influenzare il rischio di incorrere in questi tumori. Tuttavia, la meta-analisi è stata limitata a studi pubblicati, e la dimensione del campione per l’analisi di randomizzazione Mendeliana era relativamente piccola, fattori che a detta degli stessi autori possono alterare la precisione della stima del rischio.

K. Khankari, X.-O. Shu, W. Wen, P. Kraft, S. Lindström, U. Peters, J. Schildkraut, F. Schumacher, P. Bofetta, A. Risch, H. Bickeböller, C. I. Amos, D. Easton, Transdisciplinary Research in Cancer of the Lung (TRICL). Association between Adult Height and Risk of Colorectal, Lung, and Prostate Cancer: Results from Meta-analyses of Prospective Studies and Mendelian Randomization Analyses. PLOS Medicine http://dx.doi.org/10.1371/journal.pmed.1002118, 2016

di D. Merli

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Laboratorio © 2017 Tutti i diritti riservati