Leptina: nuove speranze per il trattamento del diabete

Diabetic is doing a glucose level finger blood test.La leptina, un ormone strettamente correlato con il controllo del peso corporeo e l’introito calorico, sembra mostrare ai ricercatori un nuovo inatteso e interessante volto. Infatti, in un articolo di Shulman e colleghi, si evidenzia come il trattamento con l’ormone leptina sia in grado di ridurre lo stato iperglicemico nei modelli animali di diabete di tipo 1 scarsamente controllato con le misure convenzionali (insulina). L’effetto antidiabetico dell’ormone sembra essere correlabile con la sua capacità di sopprimere la produzione del glucagone, o meno probabilmente con una riduzione della risposta dell’organismo al glucagone stesso; d’altro canto è stato evidenziato che la leptina non agisce direttamente sulle cellule pancreatiche modulando la secrezione di insulina. Inoltre, sembra fondamentale il ruolo soppressivo sull’asse ipotalamo/ipofisi/surrene della leptina nel controllo della glicemia e soprattutto nel controllo di complicanze quali la chetoacidosi diabetica, dovuta almeno in parte a una eccessiva lipolisi. Infatti, in modelli murini si è mostrato come un’ipoleptinemia è in grado di attivare l’asse ipotalamo/ipofisi/surrene, il che comporta non solo un’accentuata lipolisi, ma anche un’attivazione della gluconeogenesi epatica. Queste stesse alterazioni possono essere riprodotte nel topo mediante la somministrazione di lipidi o di corticosteroidi, e vengono prontamente eliminate mediante l’infusione nell’animale dell’ormone leptina. Sebbene l’insulina resterà forse per lungo tempo l’agente principale per il controllo del diabete, queste scoperte pongono la base per lo studio di molecole differenti che possano coadiuvare il trattamento della patologia.
R. J. Perry, X.-M. Zhang, D. Zhang, N. Kumashiro, J.-P. G. Camporez, G.W. Cline, D. L. Rothman, G. I.Shulman,Leptin reverses diabetes by suppression of the hypothalamic-pituitary-adrenal axis,Nature Medicine (2014); pubblicato online: doi:10.1038/nm.3579

di D.Merli

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Laboratorio © 2017 Tutti i diritti riservati