L’impatto della dieta occidentale sulla salute

shutterstock_1578976Fra tutti i cambiamenti cui l’uomo è stato soggetto negli ultimi anni, la dieta spicca non solo per la sua profonda variazione in coincidenza con l’industrializzazione di massa, ma anche per il suo enorme impatto sulla salute. In particolare, la dieta occidentale, anche a causa della sempre maggiore diffusione dei fast food, è caratterizzata da un introito eccessivo di calorie con una riduzione del numero di fonti alimentari e un conseguente impoverimento in termini qualitativi dei principi nutritivi assunti. Nella recensione pubblicata da Myles, questi aspetti e l’effetto globale sulla salute vengono attentamente valutati. In particolare, si esamina l’impatto della dieta occidentale sul sistema immunitario e i meccanismi con cui zuccheri raffinati, glutine, grassi, sale e cibi geneticamente modificati possono causare danni al nostro organismo. Un grosso merito dell’articolo è valutare l’impatto che l’alimentazione ha sul microbioma, sempre più frequentemente oggetto di studio. Le conclusioni a cui si giunge sono che, sebbene da un lato l’eccessivo introito calorico cui siamo soggetti possa rivelarsi protettivo nei confronti di deficit di macro e micronutrienti, d’altra parte il beneficio viene ampiamente perso a causa dell’aumento di patologie cardiovascolari, neoplastiche e autoimmuni.
 I. A. Myles, Fast food fever: reviewing the impacts of the Western diet on immunity, Nutrition Journal 13:61 (2014)

di D. Merli

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Laboratorio © 2017 Tutti i diritti riservati