L’inutilità delle procedure di screening negli individui sani

4216Molto spesso ci si chiede quale sia il reale impatto sulla salute e sulla mortalità dell’uso ad ampio raggio di procedure di screening per le malattie. Se da un lato la loro applicazione a individui in cui è presente un sospetto diagnostico può portare indubbiamente a benefici nei termini di riduzione di morbilità e mortalità, è emerso da uno studio  che pochi dei test attualmente disponibili per le malattie più comunemente associate al decesso si rivelano utili se applicati a pazienti asintomatici e in cui non ci sono ragioni chiare per ritenere che siano affetti dalla malattia. Tale evidenza è stata dedotta dall’analisi dell’esito di 19 test usati per la diagnosi di 9 patologie potenzialmente letali. Studiando 45 trials controllati e 98 meta-analisi impieganti i test di cui sopra, si è arrivati alla scoperta; la riduzione della mortalità dovuta alla patologia indagata di volta in volta dallo specifico test era poco comune, e ancor più sorprendentemente la mortalità dovuta a tutte le cause possibili non risultava in alcun modo diminuita.
J. Wise. Most screening tests do not save lives, researchers argue. BMJ 2015;350:h250
di D. Merli

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Laboratorio © 2017 Tutti i diritti riservati