Nuove classi di inquinanti ambientali persistenti

La convenzione di Stoccolma sugli Inquinanti Organici Persistenti (POP) è stata proclamata il 22 maggio 2001 ed è entrata in vigore circa tre anni dopo, il 17 maggio 2004. Lo scopo principale è la protezione dell’uomo e dell’ambiente da tale categoria di contaminanti. Le linee di azioni comuni impegnano tutti i contraenti al divieto e/o alla cessazione di produzione, importazione ed esportazione e utilizzo di POP di classe A, alla limitazione di fabbricazione e utilizzo di POP di classe B, alla riduzione/eliminazione di POP di classe C, alla sorveglianza ambientale per l’individuazione di eventuali nuovi POP, allo scambio d’informazioni, procedure operative, assistenza tecnica, piani di azione ecc. Gli agenti chimici classificati come POP sono molecole organiche di sintesi caratterizzate da elevata resistenza alla biodegradazione e dalla capacità di accumulo negli organismi viventi dove possono produrre effetti nocivi (solitamente cronici) più o meno gravi. In particolare un composto organico viene classificato come POP se possiede caratteristiche chimico-fisiche tali per cui, se immesso nell’ambiente, presenta le seguenti proprietà:

-rimane inalterato per periodi particolarmente lunghi (mesi o anni);

-si diffonde/viene trasportato anche su lunghe distanze in aria, acque e suolo;

-ha la capacità di accumularsi nei tessuti adiposi degli organismi viventi a concentrazioni crescenti salendo nella catena alimentare;

-risulta tossico/nocivo per l’uomo e/o gli organismi viventi.

Tutti i composti attualmente riconosciuti come POP sono stati classificati in un elenco in differenti classi di pericolosità secondo la gravità del rischio che presentano. La presente tabella viene continuamente aggiornata in base ai rilevamenti ambientali, controlli epidemiologici e simili su uomini e altri organismi provenienti da tutto il mondo.

Composti organici inquinanti persistenti (POP)
Classe A (Eliminazione totale)
Aldrin, Clordano, Clordecone, Dieldrin, Endrin, Eptacloro, Esabromobifenile, Esabromobifeniletere Eptabromobifeniletere, Esaclorobenzene, a-Esaclorocicloesano, b-Esaclorocicloesano, Lindano, Mirex, Pentaclorobenzene, Policlorobifenili (PCB), Endosulfan tecnico e isomeri correlati, Tetrabromobifeniletere e Pentabromobifeniletere, Toxafene.
Classe B (Uso regolamentato e controllato)
DDT, Acido Perfluorottansolfonico e relativi sali, Perfluorottansolfonilcloruro
Classe C (Riduzione/eliminazione e controllo emissioni accidentali)
Policlorurodibenzo-p-diossine (PCDD), Policlorodibenzofurani (PCDF), Esaclorobenzene (HCB), Pentaclorobenzene, Policlorobifenili (PCB)

 

di C. Mangano – Dip. di Chimica, Università degli studi di Pavia

di F. Feletti –  Dip. di Medicina Interna e Terapia Medica, Università degli Studi di Pavia

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Laboratorio © 2017 Tutti i diritti riservati