Premio Grande Ippocrate 2012

Antonio Giordano.

È stato allievo del premio Nobel James D. Watson, ha scoperto alcuni fattori chiave nella regolazione del ciclo cellulare e dei meccanismi legati all’insorgenza dei tumori, ha isolato il gene oncosoppressore RB/p130 e ha legato la sua carriera di ricercatore a quella di divulgatore scientifico, impegnandosi soprattutto nel fare conoscere i rischi tumorali correlati ai fattori ambientali. È Antonio Giordano, direttore dello Sbarro Institute for Cancer Research and Molecular Medicine e professore ordinario di Anatomia Patologica del Dipartimento di Patologia Umana e Oncologia dell’Università degli Studi di Siena, che ha ricevuto il Premio Grande Ippocrate 2012. Il riconoscimento è istituito da Unamsi (Unione Nazionale Medico Scientifica d’Informazione) e Novartis per gli scienziati che uniscono all’eccellenza nella ricerca anche l’impegno nella divulgazione scientifica.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Laboratorio © 2017 Tutti i diritti riservati