Saggi di proliferazione di cellule pituitarie e di tiroide

Un recente studio olandese ha investigato l’effetto in vitro di 11 composti attivi sulla tiroide noti per influenzare il peso e le dimensioni della ghiandola pituitaria e/o della tiroide in vivo, analizzando la proliferazione delle cellule pituitarie di ratto GH3 nel test cosiddetto «T-screen,» e di cellule di tiroide di ratto FRTL-5 in un test recentemente sviluppato chiamato «TSH-screen» per ottenere maggiori informazioni sul valore relativo di questi test di proliferazione in vitro per una strategia di test integrata (ITS) di misura dell’attività della tiroide. La proliferazione delle cellule pituitarie nel T-screen è stata stimolata da tre composti sugli 11 testati: l’ormone di rilascio della tireotropina (TRH), triiodotironina (T3) e tiroxina (T4). Di questi tre composti, solo il T4 causa un incremento del peso relativo della ghiandola pituitaria, e così il T4 è il solo composto per il quale l’effetto nel saggio in vitro correlava con un effetto riportato in vivo. Con il TSH-screen, due composti testati avevano un effetto antagonista sulla proliferazione delle cellule FRTL-5: l’ormone tireotropo stimolante (TSH) la induceva mentre il T4 la inibiva. Questi effetti correlavano con i cambiamenti in vivo indotti da questi composti sul peso della tiroide. Presi assieme, i risultati indicano che la maggior parte dei composti selezionati influenzano il peso della ghiandola pituitaria e della tiroide con modalità d’azione differenti dall’effetto diretto mediato dal recettore dell’ormone tiroideo (THR) o dal recettore del TSH (TSHR), e suggeriscono la necessità di effettuare test in vitro aggiuntivi per mettere a punto una strategia test integrata. Ulteriori analisi del T-screen hanno rivelato una correlazione positiva tra gli effetti THR-mediati dei composti testati in vitro e i loro effetti sul peso relativo del cuore in vivo, suggerendo che il T-screen possa predire in modo diretto questo effetto avverso THR-mediato in vivo.
Altex 30, 3/13: 293-307

di Silvia Guenzi

 

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Laboratorio © 2017 Tutti i diritti riservati