Test per predire attività battericida di anticorpi contro Haemophilus influenzae non tipizzabile

"Haemophilus influenzae 01". Con licenza Pubblico dominio tramite Wikimedia Commons - http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Haemophilus_influenzae_01.jpg#/media/File:Haemophilus_influenzae_01.jpg

“Haemophilus influenzae 01”. Con licenza Pubblico dominio tramite Wikimedia Commons –

Haemophilus influenzae non tipizzabile (NTHi) è un microrganismo Gram negativo che si trova nella mucosa nasofaringea umana e che può causare infezioni dell’orecchio medio e delle basse vie respiratorie. Non è stato sviluppato finora un vaccino protettivo contro NTHi a causa dell’elevata variabilità genetica di questo batterio. In un recente studio collaborativo dell’University of Leicester (UK) e Novartis Vaccines & Diagnostics di Siena, è stato sviluppato un saggio dell’attività battericida del siero (SBA) per ottimizzare la selezione di antigeni protettivi contro NTHi. Il test SBA sfrutta la lisi delle cellule batteriche mediata dal complemento ed è un metodo fondamentale in vitro per misurare l’attività the funzionale degli anticorpi. 5 ricercatori hanno testato l’attività battericida di anticorpi diretti contro antigeni noti per stimolare una risposta protettiva, quale la proteina D usata come carrier nel vaccino pneumococcico polisaccaridico coniugato Synflorix. Prima dello screening SBA, l’accessibilità degli antigeni agli anticorpi e la capacità di questi ultimi di indurre deposizione del complemento C3 sono state verificate mediante citometria di flusso. Usando siero di coniglio neonato come fonte di complemento, il saggio proposto non ha solo confermato l’attività battericida degli anticorpi contro i vaccini candidati prescelti, ma ha anche presentato una significativa riproducibilità. Viste la rapidità e l’economicità del protocollo SBA proposto, secondo gli autori del lavoro questo potrebbe diventare uno strumento importante per dimostrare la capacità di anticorpi contro antigeni ricombinanti di eliminare NTHi in vitro, di selezionare nuovi candidati vaccino protettivi e di predire l’efficacia di un vaccino.
BMC Microbiology 2015, 15:87 doi:10.1186/s12866-015-0420-x (18 aprile 2015)

di S. Guenzi

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Laboratorio © 2017 Tutti i diritti riservati